The Royal ballet School

Insegnanti di Danza alle prese con il PERFEZIONISMO

The Royal ballet School

 

Insegnanti di Danza

Aiutare gli allievi a separare le dimostrazioni più importanti del perfezionismo da sane aspirazioni di eccellenza

Nel nostro articolo “Puntare all’Eccellenza o aspirare alla Perfezione?” abbiamo visto che la ricerca dell’eccellenza è la ricerca di obiettivi stimolanti ma raggiungibili mentre il perfezionismo è la ricerca della perfezione e, come tale, è tipicamente irrealistico e non raggiungibile. Inoltre la ricerca dell’eccellenza può essere più appropriata del perfezionismo per una forma d’arte come la danza, semplicemente perché l’interpretazione personale è una componente preziosa dell’arte. Abbiamo già affrontato i legami tra Perfezionismo e Benessere/Malessere, Perfezionismo e Alimentazione disordinata, Perfezionismo e Ansia, Perfezionism e Lesioni. In questo articolo affrontiamo invece il legame:

Insegnante di Danza e Perfezionismo

Mentre molte ricerche sul perfezionismo si sono concentrate su quanto una persona sia perfezionista in relazione ai propri obiettivi e azioni, alcuni ricercatori hanno adottato un approccio alternativo. Basati su un modello tripartito sostengono che oltre ad essere perfezionisti verso noi stessi (perfezionismo auto-orientato) possiamo anche sentire che gli altri si aspettano la perfezione da noi (perfezionismo socialmente prescritto), o noi stessi possiamo richiedere la perfezione dagli altri (perfezionismo orientato verso l’altro).

Anche se non ancora esaminato sistematicamente nella danza, la ricerca di altri settori suggerisce che queste ultime due forme sarebbero preziose da considerare in relazione agli insegnanti di danza. Ad esempio, se come insegnante ti aspetti sempre un impegno costante, una dedizione del 110% alla forma d’arte al di sopra di tutti gli altri settori della vita e la perfezione tecnica e artistica dei tuoi ballerini, allora potresti essere un perfezionista orientato agli altri . Da lì il salto ai tuoi ballerini che sviluppano tendenze del perfezionismo socialmente prescritto non è lontano.

Moscow Ballet Academy

 

Dato che il perfezionismo socialmente prescritto è associato agli indicatori di malessere delineati sopra (ad esempio ansia e esaurimento), sembra particolarmente poco saggio nutrirlo, ad esempio aspettandosi la perfezione e dimostrando insoddisfazione per qualcosa di meno. Lo stesso vale per la pressione degli insegnanti o dei genitori in generale. L’ansia in relazione al modo in cui il proprio corpo appare agli altri e l’ansia sociale più in generale sono altri risultati indesiderati del perfezionismo socialmente prescritto.

In effetti, è logico che i ballerini possano diventare nervosi in contesti in cui si sentono gli altri come perfetti, perché come possono mai farcela? Forse il perfezionismo orientato verso gli altri può persino causare lesioni agli altri: la leggenda narra che Fred Astaire, un noto perfezionista, abbia fatto in modo che Ginger Rogers facesse così tante riprese di una scena in Swing Time (1936) che i suoi piedi iniziassero a sanguinare nelle sue scarpe .

CONSIGLI PRATICI

Come faccio a sapere se i miei ballerini sono perfezionisti?

Mentre gli insegnanti non dovrebbero aspettarsi di conoscere la mente di ogni ballerino, alcune semplici linee guida possono aiutare a separare le dimostrazioni più importanti del perfezionismo da sane aspirazioni di eccellenza. Naturalmente, ciò non costituisce una valutazione psicologica approfondita e non dovrebbe essere usato per creare etichette rigide per i ballerini. Con questo avvertimento, due cose sembrano importanti:

1 – Parla con i tuoi ballerini.

Cerca di capire cosa li motiva a ballare, li spinge a seguire un intenso allenamento e come si sentono dopo lezioni e spettacoli di danza sempre più riusciti. Per esempio:

  • Quando parliamo dei loro obiettivi: Sono realistici e specifici o non realistici e vaghi? Sembrano avere alta o bassa fiducia in se stessi?
  • Quando parliamo del futuro: Sembrano provare speranza per il successo o paura del fallimento? Si concentrano su ciò che vogliono raggiungere o ciò che vogliono evitare?
  • Quando si parla di vita in generale: La danza è apparentemente in armonia con altre attività ( es. Scuola, famiglia) o è la danza il loro essere tutto e fine? Sembrano sperimentare elevati o bassi livelli di supporto da parte di amici e familiari?

La persona che molto probabilmente sarà perfezionista e quindi bisognosa di supporto probabilmente parlerà di obiettivi non realistici accompagnati da scarsa fiducia in se stessi e/o autostima, paura del fallimento, motivazione all’evitamento e un’identità strettamente legata alla danza. Ciò è particolarmente preoccupante se mancano anche sostegno in altre aree della loro vita.

The Bolshoi Ballet Academy

 

2 – Osserva il comportamento del ballerino.

Mentre il perfezionismo è in gran parte nella mente di un individuo, la ricerca suggerisce che il perfezionismo influisce sul comportamento.

  • I ballerini affrontano avidamente la sfida o evitano le situazioni in cui potrebbero non apparire perfetti?
  • Sono disposti a lavorare sulle loro debolezze di fronte agli altri?
  • Sono abbastanza coraggiosi da prendere scelte creative che potrebbero non “funzionare” e rischiano di sembrare sciocche?
  • Dopo errori o fallimenti, sembrano castigarsi eccessivamente?

Auto-presentazione perfezionistica significa evitare situazioni in cui uno non può apparire perfetto agli altri. Ciò è spesso correlato alla riluttanza a lavorare su abilità in cui non si è bravi, e soprattutto a farlo di fronte agli altri. L’incertezza degli esercizi improvvisativi e creativi può essere particolarmente dura per alcuni. Se tali comportamenti di evitamento si combinano con tendenze ad essere eccessivamente critiche, auto-punitive e non essere mai contenti, potresti avere un perfezionista nel tuo studio.

Infine, le interazioni tra ballerini e i loro genitori possono essere istruttive. I genitori sembrano trasmettere rigide aspettative per il loro bambino, come se dovesse mostrarsi perfettamente in ogni momento o essere il migliore? Rendono l’approvazione e l’amore dipendenti dalle prestazioni? In tal caso, il perfezionismo avrà maggiori probabilità di svilupparsi nel bambino.

Cosa devo fare a riguardo?

Gli insegnanti in genere insegnano ai gruppi e esiste un limite alla misura in cui la formazione può essere personalizzata. È probabile che alcuni ballerini nel tuo gruppo abbiano tendenze perfezionistiche, alcuni mirano all’eccellenza e altri no. È uno scenario impossibile? Fortunatamente no. Invece di preoccuparti eccessivamente degli avvenimenti inosservabili nella mente dei ballerini, concentra i tuoi sforzi sulla creazione di un ambiente sano per tutti. In questa sezione finale, vengono riassunti alcuni piccoli consigli molto importanti.

  • Sii esigente ma realistico nei confronti del ballerino.

Incoraggia i ballerini a stabilire e lavorare duramente per raggiungere i propri obiettivi entro i limiti della classe e interessarsi ai loro progressi individuali. Rendi esplicito che sei interessato all’eccellenza, non alla perfezione e che il modo per arrivarci è attraverso obiettivi realistici, stimolanti e richieste flessibili, non rigide. Quindi rendilo vero usando un feedback costruttivo e stimolante, ma non negativo. Dichiarare verbalmente che l’aula è un posto dove sentirsi al sicuro per correre rischi, lavorare su abilità al di fuori della propria zona di comfort e divertirsi. Gli insegnanti possono anche incoraggiare i ballerini a sentirsi soddisfatti dei loro progressi, dimostrando che anche loro diventano soddisfatti quando i ballerini imparano o addirittura si impegnano. Sentirsi sicuri, coraggiosi e creativi proviene da un’attenta cura e da una sfida appropriata, non da esigenze di perfezione.

Se hai ballerini con obiettivi apparentemente perfezionistici ma alti livelli di fiducia, puoi lodarli per il loro coraggio e impegno, pur rendendoli consapevoli che gli obiettivi dovrebbero essere realistici e che la perfezione raramente si adatta a quel disegno di legge. Aiutali a capire che non devono necessariamente abbassare i loro standard; semplicemente chiarirli e elaborare passi sensati verso i loro obiettivi. Questo rende gli obiettivi possibili da raggiungere, e quindi possibile festeggiare quando raggiunti! Il mito secondo cui essere costantemente insoddisfatti è una forza trainante utile non dovrebbe avere posto nella pratica della danza del 21 ° secolo, perché la motivazione è più salutare quando si tratta di lottare verso qualcosa di interessante e prezioso (come nuove altezze creative), piuttosto che allontanarsi da qualcosa di indesiderabile (come l’insoddisfazione per se stessi o la disapprovazione altrui).

  • Sostieni la persona.

Dai valore ai tuoi ballerini come prima le persone, secondo come artisti. Le identità arrotondate con l’esperienza di vita saranno più resistenti allo stress, si riprenderanno più velocemente dopo gli errori e avranno anche cose più interessanti da dire artisticamente. Incoraggiali ad avere amici al di fuori della danza e magari a impegnarsi in una serie di altre attività come arte, sport, musica o altre aree di interesse. Per essere di supporto, rendere il feedback non giudicante e focalizzato su come le sfide possono essere affrontate positivamente. Allontana l’attenzione da fattori in gran parte incontrollabili come le dimensioni del corpo e verso quelli controllabili (e probabilmente più interessanti) come l’arte e la comunicazione.

  • Sostieni in modo particolare alcuni, ma resta realistico.

Alcuni ballerini hanno bisogno di più sostegno di altri. Ballerini perfezionisti con scarsa autostima e poche attività o supporto al di fuori della danza possono essere particolarmente a rischio di sperimentare i lati negativi del perfezionismo e i suoi mali associati (ad es., bassa stima del corpo, atteggiamenti alimentari disordinati). Ciò è particolarmente importante durante i periodi di stress, quindi offri ai ballerini con tendenze perfezionistiche un supporto extra durante spettacoli, esami, audizioni e periodi altrettanto impegnativi. Tuttavia, resta realistico sulle tue responsabilità; gli insegnanti non devono diagnosticare o sentirsi responsabili delle personalità dei ballerini o della salute mentale. Quando le cose non rientrano nelle tue competenze, aiutati ad aiutarle disponendo di una buona rete di contatti e di un sistema di riferimento.

  • Mantieni le cose in prospettiva.

La danza può essere meravigliosa, stimolante e motivante, ma non dovrebbe diventare il tutto e la fine di tutta la propria esistenza. Se un ballerino sembra allenarsi troppo, è importante monitorare il carico di lavoro e discutere la distinzione tra lavorare duro e lavorare in modo intelligente. Introdurre più allenamento mentale può aiutare ad alleviare un po ‘di affaticamento fisico e principi scientifici su riposo, riparazione e periodizzazione che meritano una discussione seria.

Se un ballerino da importanza smisurata ad un evento, prova a spiegare che, mentre apprezzi la sua dedizione alla danza, è importante ricordare che ci sono altri aspetti importanti della vita come la salute e le relazioni. Se mantieni le cose in prospettiva, è più probabile che facciano lo stesso. A volte, i perfezionisti devono esercitarsi a commettere errori in modo da poter imparare da soli che non è pericoloso per la vita. Più in generale, guidali delicatamente verso obiettivi realistici e cerca di farli assorbire nelle parti artisticamente o musicalmente interessanti della performance dove c’è spazio per l’interpretazione individuale e l’immersione.

“La perfezione tecnica è insufficiente. È un orfano senza la vera anima di una ballerina.” Sylvie Guillem

On-Stage Danza Brescia Studio S.S.D. a R.L.©
Fonte: International Association for Dance Medicine & Science

Se sei alla ricerca di una scuola di danza eccellente
vieni a conoscerci!

Scuola di danza ON STAGE è il punto di riferimento per chi vuole studiare Danza e Ballo a Brescia.
E’ un centro di preparazione serio e aggiornato per la formazione della Danza sia approcciata come studio amatoriale sia indirizzata ad un futuro mestiere, diffondendo la passione per la Danza anche come strumento di crescita e come momento di socialità.

Scuola di Danza ON STAGE dispone di 600 mq di spazio interamente dedicati alla danza e al ballo, 4 Sale Danza attrezzate, ampio e comodo parcheggio gratuito, spazioso atrio, area studio/relax ….

I corsi sono tenuti da maestri professionisti altamente qualificati e in continuo aggiornamento e suddivisi per età e livello. Questo consente ad ogni allievo di potersi inserire nel contesto a lui più idoneo e alla scuola di garantire il massimo livello di ciascun corso proposto.

Vieni a conoscerci!

Siamo a Brescia in Via Triumplina 189
(a 50 metri dalla fermata Metro Casazza)

Prenota una lezione di prova gratuita e senza impegno!

Puntare all’Eccellenza o aspirare alla Perfezione?

0Shares

Categorie

In Evidenza

Articoli Recenti

Altri articoli

--Iscriviti alla Newsletter