Bresciaoggi 10.07.2012 “Danza e ballo salgono «On Stage»: è un punto di riferimento per tutti”

L’Asd «On Stage» occupa a buon diritto uno spazio del tutto particolare all’interno dell’ampia e variegata famiglia dell’Aics bresciana. Si tratta infatti di una realtà che sin dalla sua nascita si è presentata come un punto di riferimento a Brescia per la danza e il ballo. Un intento sicuramente ambizioso, che si basa, però, sulle solide fondamenta di uno staff qualificato e preparato, guidato da Martina Guarnati e Barbara Tanda, che si occupano della direzione artistica, e animato da insegnanti che si dedicano con provata competenza ad un programma letteralmente a 360 gradi, che spazia dalla danza classica a quella moderna, dal tango al latino americano, passando attraverso pilates, giocodanza, danza del ventre, yoga, liscio, samba, musical, danza country e tante altre proposte tutte da scoprire. Fiore all’occhiello di «On stage» sono i corsi che coprono tutti i mesi dell’anno, affiancati da laboratori ed iniziative che puntano a perfezionare le conoscenze degli allievi coinvolti. Il tutto per un’attività che è divertimento e passione, ma al tempo stesso socializzazione e benessere, un’attività che non conosce davvero età, visto che si parte dai corsi rivolti ai bimbi più piccoli (dai 3 ai 5 anni) per arrivare a quelli dedicati a persone che giovani lo sono a dispetto della carta d’identità. Per gli allievi che si distinguono nel corso dell’anno accademico, inoltre, c’è l’emozionante possibilità di partecipare a rassegne, concorsi ed eventi, in modo da ampliare il proprio bagaglio tecnico ed umano con il confronto diretto con il pubblico. La sede di «On stage», spaziosa ed accogliente, con 400 metri quadrati interamente dedicati a danza e ballo, si trova a Brescia in via Triumplina 189, dove è possibile ricevere tutte le informazioni necessarie (anche visitando il sito www.on-stage.net e telefonando al 366. 3431626) per entrare nel coinvolgente mondo artistico presentato da Martina Guarnati e Barbara Tanda

 Leggi l’articolo sul sito del Bresciaoggi